Monthly Archives: maggio 2017

La Carta della Generazione Erasmus: gli elementi e le principali proposte

L’Agenzia Nazionale Erasmus+ Indire, assieme a Erasmus Student Network Italia e alla Fondazione garagErasmus, con la collaborazione del Dipartimento per le politiche europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del MIUR hanno riunito in febbraio la Generazione Erasmus in un Consiglio Italiano per avviare una riflessione sul Programma Erasmus, sul suo plus e dare il via ad un dialogo costruttivo sul futuro dello stesso programma e delle necessità dei beneficiari. Un percorso che ha portato alla stesura della Carta della Generazione Erasmus, un documento nuovo che presenta una serie di policy suggestions per rilanciare il progetto europeo attraverso le opportunità offerte da Erasmus+.

L’iniziativa ha coinvolto duecento studenti ed ex-studenti con esperienza di mobilità internazionale, che si sono riuniti per la prima volta il 24 febbraio a Roma, in Campidoglio. I partecipanti sono stati selezionati dagli atenei di appartenenza, con la collaborazione di ESN Italia e gE. Il “Primo Consiglio Italiano della Generazione Erasmus” è stato un’opportunità di ascolto, di dibattito e di avvio a una riflessione critica, sviluppata nel corso del mese successivo online, attorno a sei tematiche:

  • Erasmus: global o non global
  • Comunità locali e mondo digitale
  • Europa unita
  • Cittadinanza europea
  • Erasmus for all
  • Mobilità tra studio e lavoro

34555417875_5e714ceff6_oLa discussione online ha permesso di raccogliere input dai ragazzi della Generazione Erasmus che sono stati elaborati e riuniti nella Carta della Generazione Erasmus, consegnata il 9 maggio al Ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli e al Sottosegretario alle Politiche e agli Affari Europei, Sandro Gozi, durante la Conferenza “Erasmus+ e il futuro dell’Europa” organizzata in Palazzo Vecchio, a Firenze, nell’ambito delle celebrazioni per i 30 anni dalla nascita di Erasmus e del Festival d’Europa.

I punti chiave

Dal documento emerge il desiderio degli studenti di voler potenziare il Programma con iniziative innovative ma anche di rafforzarlo nelle misure già presenti e meno promosse tra i destinatari di Erasmus+. Azioni concrete quindi, anche dal punto di vista comunicativo, delle politiche portate avanti dal Programma.

Gli elementi ricorrenti nella Carta includono:

  • l’importanza di ricorrere a politiche di tipo bottom-up: si sottolinea la necessità di coinvolgere i cittadini a livello locale, di dare loro spazio affinché possano sviluppare progetti, portare avanti dibattiti, organizzare eventi culturali, creando così un circolo virtuoso che ingeneri ricadute positive a livello europeo (Comunità locali e mondo digitale);
  • la rilevanza di un’educazione alla cittadinanza europea e alla storia dell’Unione, da insegnare nelle scuole come parte integrante dell’educazione civica, troppo spesso tristemente trascurata e che andrebbe riformata e resa obbligatoria (Erasmus: global o no global). Lo stesso si auspica nelle università (Mobilità tra studio e lavoro);
  • la necessità di scoraggiare l’assunzione di stagisti non retribuiti e, al contrario, garantire ai tirocinanti un salario minimo. (Mobilità tra studio e lavoro; Erasmus for All);
  • un sempre maggiore coinvolgimento della Generazione Erasmus nella costruzione di politiche volte alla promozione della cittadinanza europea. (Cittadinanza europea; Mobilità tra studio e lavoro; Europa unita);
  • l’implementazione di programmi di scambio di vario genere a livello europeo, che includano non solamente la fascia universitaria, ma anche la scuola dell’obbligo e la Pubblica Amministrazione e che coinvolgano famiglie ed imprese. (Erasmus: global o no global; Europa unita);
  • la creazione di enti necessari per portare avanti determinate proposte o l’implementazione di enti già esistenti (Mobilità tra studio e lavoro; Europa unita; Comunità locali e mondo digitale);
  • la necessità di misure economiche che ridiano alla cittadinanza fiducia verso le istituzioni europee (Europa Unita).

cartaerasmusL’auspicio è far diventare la Carta il punto di partenza per un dialogo costante e proattivo con i decisori politici ma anche utilizzarla come Agenzia Erasmus+ INDIRE in vista dei nuovi programmi europei che dal 2020 andranno a sostituire Erasmus+.

Per approfondire:

 

Commissione Europea: Piano di investimenti

A distanza di un anno dall’entrata in vigore del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), la Commissione valuta che cosa nel piano di investimenti ha funzionato bene, che cosa va migliorato e come si prospetta il futuro.

A distanza di diciotto mesi da quando il Presidente Jean-Claude Juncker ha lanciato il piano di investimenti per l’Europa e di un anno dall’avvio del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), la Commissione fa il punto dei risultati ottenuti finora. Oggi la Commissione comunica gli insegnamenti tratti e presenta proposte precise per dare al FEIS una prospettiva futura ambiziosa.

Il Presidente Jean-Claude Juncker ha dichiarato: “Contrariamente alle previsioni più pessimistiche, il piano di investimenti funziona. Ogni giorno il Fondo europeo per gli investimenti strategici crea posti di lavoro e mobilita investimenti nell’economia reale. Per questo proponiamo di prorogarlo oltre il 2018. Dobbiamo dar prova di ambizione nel rilancio degli investimenti in Europa.”

Il Vicepresidente Jyrki Katainen, responsabile del portafoglio “Occupazione, crescita, investimenti e competitività”, ha aggiunto: “Insieme alla BEI abbiamo ottenuto grandi risultati negli ultimi 12 mesi. Abbiamo sostenuto progetti energetici innovativi, centri sanitari, progetti di sviluppo urbano e di banda larga ad alta velocità. Quasi 150 000 PMI possono accedere a nuovi finanziamenti. Abbiamo creato un polo che offre ai promotori di progetti servizi di consulenza e supporto tecnico. Abbiamo lanciato un nuovo portale in cui i promotori possono presentare i loro progetti agli investitori di tutto il mondo. Ma resta ancora da fare: dobbiamo continuare ad approfondire quel mercato unico che costituisce un’attrattiva unica nel suo genere dell’Unione, e gli Stati membri devono adoperarsi per eliminare gli ostacoli agli investimenti.”

Risultati ottenuti

Il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) è il fulcro del piano di investimenti messo a punto dalla Commissione europea. Gestito dal gruppo BEI, procede sicuro e puntuale verso il conseguimento dell’obiettivo di mobilitare almeno 315 miliardi di EUR di investimenti aggiuntivi nell’economia reale entro il primo semestre 2018. Grazie alla garanzia di prima perdita fornita dal FEIS, la BEI ha potuto investire in un numero maggiore di progetti, talvolta più rischiosi, e in tempi più rapidi di quanto sarebbe stato possibile senza il FEIS. Nel complesso il FEIS è già attivo in 26 Stati membri e, in base agli interventi già approvati, dovrebbe mobilitare 100 miliardi di EUR di investimenti. Finora hanno fruito del FEIS soprattutto le piccole e medie imprese (PMI). Per incoraggiare un’attività più intensa del FEIS negli Stati membri rimasti indietro, la BEI e la Commissione perseguiranno una presenza più incisiva a livello locale.

Oggi abbiamo lanciato ufficialmente un altro elemento del piano di investimenti: il portale dei progetti di investimento europei (PPIE). Si tratta di una piattaforma online che riunisce i promotori di progetti europei e gli investitori dell’UE e del resto del mondo. Il portale aumenterà la visibilità dei progetti in cui investire in tutta l’Europa. Esisteva una domanda degli investitori in questo senso, e la Commissione l’ha soddisfatta. (Per un video sul nuovo portale, cliccare qui).

@ add copyrigth here 2016

Il polo europeo di consulenza sugli investimenti (PECI) offre assistenza tecnica e consulenza personalizzata ai promotori di progetti privati e pubblici. Ha già trattato oltre 160 richieste: l’avvio è quindi promettente, eppure la Commissione e la BEI si stanno adoperando per migliorare la dimensione locale dei servizi di consulenza prestati avvicinandoli alle imprese che ne dovrebbero beneficiare.

A febbraio la Commissione ha pubblicato orientamenti al fine di spiegare come abbinare al FEIS i Fondi strutturali e d’investimento europei (fondi SIE) per mobilitare un massimo di investimenti. Una prima serie di progetti beneficia già concretamente di questo abbinamento, che sarà ulteriormente semplificato.

Infine, la Commissione ha già adottato una serie di misure per migliorare il contesto imprenditoriale e le condizioni di finanziamento nell’ambito del terzo pilastro del piano di investimenti. Una delle iniziative avviate è la riduzione della copertura patrimoniale richiesta alle imprese di assicurazione e di riassicurazione. Le imprese di assicurazione avevano comunicato alla Commissione che alcune norme del quadro di solvibilità II le scoraggiavano dall’investire in infrastrutture, e ora questo ostacolo è stato eliminato. La Commissione valuterà l’opportunità di ridurre analogamente la copertura patrimoniale delle banche per le esposizioni infrastrutturali, tenendo conto delle discussioni sul trattamento a fini di requisiti patrimoniali delle esposizioni bancarie. Per facilitare gli investimenti in venture capital in Europa, la Commissione proporrà anche di apportare alcune modifiche al quadro normativo sul venture capital. Insieme a Eurostat la Commissione preciserà e, se necessario, rivedrà gli orientamenti relativi agli aspetti contabili dei partenariati pubblico-privati. Per offrire maggiore certezza giuridica agli investitori per quanto riguarda il finanziamento delle infrastrutture, la Commissione ha fornito indicazioni pratiche su ciò che costituisce aiuto di Stato sotto forma di una comunicazione relativa alla nozione di aiuto di Stato.

La comunicazione sulla concretizzazione del programma per il mercato unico, pubblicata anch’essa oggi, espone i diversi filoni delle attività che sono state o saranno svolte a livello di UE per creare un contesto favorevole alle imprese nell’intento di incentivare l’innovazione e investire nelle persone: si spazia dalla creazione di un mercato unico digitalealla realizzazione di un effettivo mercato transfrontaliero dei servizi, dalla semplificazione delle norme sull’IVA al miglioramento dell’accesso al venture capital per le imprese in fase di avviamento e all’investimento nelle competenze. La Commissione collabora inoltre con il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) per creare un fondo di fondi di venture capital paneuropeo che combini finanziamenti pubblici e capitale privato in modo da offrire ulteriori incentivi alle nuove imprese e aumentarne la scala. Gli Stati membri devono inoltre proseguire sulla strada delle riforme strutturali per eliminare le strozzature e gli oneri burocratici che ostacolano gli investimenti.

Prospettiva futura del FEIS

Muovendo dai risultati positivi ottenuti, la Commissione propone per il futuro le prospettive seguenti.

  • Sulla scia dei successi ottenuti finora, un FEIS potenziato sarà prorogato oltre il triennio iniziale per colmare le restanti carenze e fallimenti del mercato e continuare a mobilitare, con “addizionalità” rafforzata, i finanziamenti del settore privato a favore di investimenti di importanza fondamentale per la creazione di occupazione, la crescita e la competitività future dell’Europa. La Commissione presenterà in autunno proposte legislative per prorogare la durata del FEIS, tenendo conto dei vincoli di bilancio.
  • Uno dei maggiori successi del FEIS è il forte interesse e la grande partecipazione delle banche intermediarie di tutta l’Unione alla fornitura di finanziamenti alle PMI tramite il cosiddetto sportello PMI del FEIS. Lo sportello sarà potenziato entro breve, nel quadro attualmente in vigore, a vantaggio delle PMI e delle imprese a media capitalizzazione di tutti gli Stati membri. La Commissione collaborerà con il comitato direttivo del FEIS per sfruttare tutte le possibilità di potenziamento dello sportello PMI offerte dal regolamento sul FEIS.
  • La Commissione vaglierà la possibilità di ricalcare il modello del FEIS per gli investimenti nei paesi terzi in via di sviluppo.
  • Sarà semplificato ulteriormente l’abbinamento tra sostegno del FEIS e fondi SIE e saranno eliminati gli ostacoli normativi e di altro tipo che lo intralciano.
  • Sarà potenziato il polo di consulenza per aumentarne la capacità d’intervento a livello locale e per intensificarne la collaborazione con le banche nazionali di promozione.
  • Sarà incoraggiata ulteriormente l’istituzione di piattaforme d’investimento con una forte partecipazione della Commissione, del gruppo BEI, delle banche nazionali di promozione e di altri operatori del settore. Quest’aspetto è particolarmente importante per portare i progetti piccoli a raggiungere una scala critica.
  • L’efficienza energetica è indubbiamente uno dei comparti industriali che ha riscosso maggior successo nell’ambito del FEIS. Il FEIS continuerà a contribuire allo sviluppo del mercato dei progetti sostenibili/verdi incoraggiando lo sviluppo di un mercato delle obbligazioni verdi in Europa e un migliore coordinamento delle attività in corso.
  • La Commissione continuerà a realizzare risultati in relazione alle priorità per il mercato unico. Insieme a Eurostat la Commissione preciserà e, se necessario, rivedrà gli orientamenti relativi agli aspetti contabili dei partenariati pubblico-privati.
  • Gli Stati membri dovrebbero inoltre stabilire priorità chiare, preparare progetti concreti di investimento con l’aiuto del polo di consulenza (in particolare per i progetti transfrontalieri) e strutturare i progetti in modo ottimale così da assicurare un maggior ricorso agli strumenti finanziari. Nel contesto del semestre europeo gli Stati membri dovrebbero dare attuazione alle raccomandazioni specifiche per paese volte a superare gli ostacoli nazionali agli investimenti.

Per ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni sui temi del presente comunicato stampa, cfr. il corrispondente memo.

Per l’elenco completo dei progetti il cui finanziamento è già stato approvato nel contesto del FEIS, cliccare qui.

Per l’elenco completo delle convenzioni con le PMI il cui finanziamento è già stato approvato nel contesto del FEIS, cliccare qui.

Per i dati aggiornati sul FEIS con la ripartizione per settore e paese, cliccare qui.

Per ulteriori informazioni sul piano di investimenti in genere, cfr. le domande e risposte.

Contesto

La crisi economica ha provocato una netta diminuzione degli investimenti in tutta Europa. È perciò necessario un impegno collettivo e coordinato a livello europeo per invertire questa tendenza negativa e riportare l’Europa sulla via della ripresa economica. Sono disponibili livelli adeguati di risorse da mobilitare in tutta l’UE a sostegno degli investimenti. Non esiste un’unica risposta semplice, la crescita non si attiva schiacciando un pulsante e non vi è una soluzione universalmente valida. La Commissione ha definito un approccio economico basato su tre pilastri: riforme strutturali per riportare l’Europa sul cammino della crescita; responsabilità di bilancio per ripristinare la solidità delle finanze pubbliche e rinsaldare la stabilità finanziaria; investimenti per rilanciare una crescita sostenibile nel tempo.

Il piano di investimenti per l’Europa è al centro di tale strategia. Mira a rimuovere gli ostacoli agli investimenti, a dare visibilità e assistenza tecnica ai progetti di investimento e a usare in modo più intelligente le risorse finanziarie nuove ed esistenti. In vigore da un anno, il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) mostra già risultati.

Finanziamenti del FEIS – dati aggiornati

Finora la Banca europea per gli investimenti (BEI) ha approvato 64 progetti di finanziamento nell’ambito del FEIS, per un volume di finanziamenti pari a 9,3 miliardi di EUR. Il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) ha approvato convenzioni di finanziamento per 185 PMI, con un finanziamento complessivo del FEIS pari a 3,5 miliardi di EUR. Si prevede che ne beneficeranno circa 141 800 PMI e imprese a media capitalizzazione. Le operazioni, che interessano 26 Stati membri, dovrebbero mobilitare complessivamente oltre 100 miliardi di EUR in investimenti.

Info:
http://europa.eu/rapid/press-release_IP-16-1933_it.
https://ec.europa.eu/commission/priorities/jobs-growth-and-investment/investment-plan_it

Tirocinio non retribuito presso la Cei

La Central European Initiative è un‘organizzazione intergovernativa regionale con sede a Trieste, che si occupa di integrazione e cooperazione tra gli Stati membri. L‘organizzazione offre a giovani laureati e laureandi in relazioni internazionali, economia, giurisprudenza e altri settori affini, la possibilità di svolgere un tirocinio per un periodo che va dai tre ai sei mesi durante i quali i candidati selezionati saranno coinvolti in molteplici attività. I tirocini si svolgono durante tutto l‘anno e non è prevista una retribuzione. I requisiti richiesti sono: -Cittadinanza di uno degli Stati membri della Cei; -Padronanza della lingua inglese scritta e orale; la conoscenza dell‘italiano costituirà un requisito preferenziale; – Conoscenza del pacchetto Office; – Capacità organizzative del lavoro e senso di responsabilità; – Predisposizione al lavoro di squadra e a un ambiente multiculturale; – Conoscenza base delle strutture e delle attività della Cei. Per candidarsi occorre inviare il proprio cv e una breve lettera motivazionale, entrambi redatti in lingua inglese, all‘indirizzo mail: internship@cei.int

Tirocini nel settore delle energie rinnovabili

Wind Europe è un‘organizzazione con sede a Bruxelles, che si occupa di promuovere l‘utilizzo dell‘energia eolica in Europa e nel mondo, favorire la ricerca in ambito energetico e fornire supporto ai suoi 450 membri operanti in oltre 50 paesi. L‘ente è alla ricerca di candidati interessati a svolgere un tirocinio durante il quale le risorse selezionate avranno modo di misurarsi in diversi settori quali: marketing, ricerca, business development, comunicazione, ecc. I candidati dovranno essere studenti universitari o delle scuole superiori iscritti a corsi di studio che prevedano lo svolgimento di uno stage curriculare. Per candidarsi è necessario inviare il proprio CV unitamente a una lettera di presentazione al seguente indirizzo mail: jobs@windeurope.org indicando nell‘oggetto ―Traineeship‖. Scadenza non specificata. https://windeurope.org/about-us/careers/

Stage nel Settore Ong e No Profit in Cina

Stage nel settore ONG e No Profit a Pechino, Shanghai o Shenzhen CRCC ASIA è una azienda specializzata nel fornire programmi di stage e corsi di lingua in Cina, con più di 50 anni di esperienza e 400 aziende partner in diversi settori, vanta un alto numero di partecipanti che ogni mese riceve un offerta di lavoro full time in Cina. CRCC ASIA è alla ricerca di canditati brillanti pronti a fare un esperienza indimenticabile in Cina. Organizzano partenze ogni mese per tutto l‘anno e ci impegnano a offrire la migliore sistemazione in un‘azienda che rispecchi le vostre aspirazioni e un programma di lingua cinese che aiuti la vostra permanenza in Cina. I partecipanti devono essere studenti universitari, laureati o 37 avere un‘esperienza lavorativa relativa al settore di stage. E‘ inoltre richiesto una conoscenza della lingua inglese pari a un livello B2. italy@crccasia.com http://www.crccasia.com/

Fellowships Programme ONU presso i Paesi in via di sviluppo

Il ―Fellowships Programme for Technical Cooperation Capacity Building and Human Resources Development‖ è un‘iniziativa finanziata dal Governo Italiano, attraverso la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e l‘Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, e curata dal Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (UN/DESA). Il suo obiettivo è offrire a giovani laureati che non abbiano superato i 28 anni di età la possibilità di svolgere un percorso di formazione professionale presso uffici delle organizzazioni internazionali in paesi in via di sviluppo o presso sedi estere dell‘Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. Le borse hanno la durata di quasi un anno e prevedono, prima dell‘assunzione dell‘incarico presso i paesi di destinazione, un corso di formazione di due settimane in Italia. Il Programma 2017-2018 è così articolato: • dicembre 2017: corso di formazione • gennaio 2018 – dicembre 2018: tirocinio presso uffici delle organizzazioni internazionali in paesi in via di sviluppo o presso sedi estere dell‘Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo Destinatari Per poter partecipare al Programma è necessario possedere i seguenti requisiti:  Non aver superato i 28 anni di età (nati il o dopo il 1 gennaio 1989)  Possedere la nazionalità italiana  Avere un‘ottima conoscenza della lingua inglese e italiana  Avere ottenuto uno dei seguenti titoli accademici: – laurea specialistica/magistrale – laurea magistrale a ciclo unico – laurea/laurea triennale accompagnata da un titolo di Master universitario – bachelor‘s degree accompagnato da un titolo di Master universitario Scadenza: 30 giugno 2017. fellowshipinfo@undesa.it http://www.undesa.it/

Stage retribuiti con la NATO in Belgio e Paesi Bassi

La Nato, North Atlantic Treaty Organization con sedi all‘Aja, Bruxelles e Mons, offre stage da 3 a 10 mesi nel settore Communications and Information a chi possiede i seguenti requisiti: • avere nazionalità di uno Stato membro della NATO • essere studente universitario o essere laureato da non più di 12 mesi • avere un‘eccellente conoscenza della lingua inglese Scadenza: bando sempre aperto. https://www.ncia.nato.int/Pages/InternshipProgrammes.aspx

Stage in azienda in Colombia con IFOA

IFOA INTERNATIONAL MOBILITY offre la possibilità di candidarsi per stage aziendali totalmente personalizzati a Medellin, una delle città più vivaci e in rapida crescita della Colombia. Gli stage possono svolgersi in molti diversi settori, dal settore Engineering & Science al settore medico. Il settore e la durata del programma sono a scelta di ciascun candidato, a partire da un minimo di 6 settimane. Le partenze sono possibili tutti i mesi, iscrivendosi almeno 12 settimane prima della partenza desiderata. Vitto e alloggio sono inclusi nelle quote di partecipazione. http://mobility.ifoa.it/colombia-medellin/

Stage nel commercio dei farmaci in Belgio

La European Healthcare Distribution Association con sede a Bruxelles rappresenta i distributori e i rivenditori di prodotti e servizi farmaceutici di tutta Europa. Attualmente offre stage di 6 mesi con inizio a settembre 2017. I candidati devono dimostrare abilità pratiche, forte motivazione per il lavoro, flessibilità, atteggiamento dinamico e spirito di squadra. GIRP può accettare solo candidati iscritti ad un programma di studio universitario per l’intera durata del tirocinio Copre solo le spese relative ad alloggio e trasporto. http://www.girp.eu/career

Stage Erasmus+ per universitari con SEND.

Scad.: 9 giugno 2017 SEND, Agenzia per il lavoro e la mobilità internazionale, promuove il bando “Universities for EU projects” 2017, un progetto Erasmus Plus KA1 Istruzione superiore, al quale potranno accedere tutti gli studenti iscritti presso gli Atenei consorziati. Il progetto “Universities for EU projects” erogherà borse per mobilità ai fini di apprendimento per un totale di 240 mensilità. Il periodo di mobilità deve essere compreso tra il 23 giugno 2017 ed il 31 maggio 2018. Il bando si rivolge a chi vuole sviluppare competenze nel settore dell’europrogettazione e possono partecipare studenti e studentesse di tutte le facoltà, in possesso dei requisiti minimi previsti. http://www.sendsicilia.it/main/portfolio/detta glio.jsp?i=114