I progressi per l’Unione della sicurezza efficace e sostenibile

In linea con quanto richiesto dalla tabella di marcia di Bratislava e con le conclusioni del Consiglio europeo di ottobre, tra i passi in avanti importanti compiuti nell’ultimo mese figurano il varo, il 6 ottobre, della guardia costiera e di frontiera europea, l’analisi approfondita delle iniziative avviate dalla rete di sensibilizzazione al problema della radicalizzazione, in particolare nei confronti dei giovani a rischio di radicalizzazione, e l’odierna proposta concernente un sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (ETIAS), che fa seguito a quanto dichiarato a settembre dal Presidente Juncker nel discorso sullo stato dell’Unione del 2016. Il Commissario per l’Unione della sicurezza Julian King ha dichiarato: “Qualche giorno fa l’Europa ha commemorato il primo anniversario degli orrendi attentati di Parigi, nei quali sono state impiegate con effetti devastanti armi d’assalto militari riattivate. È giunto il momento di concludere l’iter legislativo della revisione della direttiva sulle armi da fuoco e di togliere dalla circolazione le armi automatiche militari tipo Kalashnikov. La relazione esorta inoltre i colegislatori a completare altri due pacchetti legislativi prima della fine dell’anno: la nuova direttiva antiterrorismo e la revisione del codice frontiere Schengen. L’insieme di queste norme può fare una vera differenza sul terreno, anche per affrontare la minaccia rappresentata dai combattenti terroristi stranieri che rientrano, e aiuterà le autorità a proteggere in modo più efficace i cittadini di tutta Europa.” Per il futuro, la relazione evidenzia in particolare l’urgente necessità che il Parlamento europeo e il Consiglio diano seguito ai loro impegni, assunti da ultimo con la tabella di marcia di Bratislava e in occasione del Consiglio europeo di ottobre, e raggiungano un accordo sulle proposte della Commissione concernenti la revisione della direttiva sulle armi da fuoco, la direttiva sulla lotta contro il terrorismo e l’istituzione di verifiche sistematiche su tutte le persone che attraversano le frontiere esterne dell’UE. I punti principali evidenziati sono i seguenti. Rafforzare la lotta contro il terrorismo e la criminalità organizzata  Quadro giuridico: il Parlamento europeo e il Consiglio dovrebbero raggiungere, entro la fine di novembre, un accordo sulla proposta didirettiva sulla lotta contro il terrorismo. Occorre inoltre che i colegislatori giungano entro la fine del 2016 a un accordo sulla revisione della direttiva sulle armi da fuoco. In dicembre la Commissione presenterà il pacchetto definitivo di proposte nell’ambito del piano d’azione contro il finanziamento del terrorismo, che comprende proposte sulla penalizzazione del riciclaggio di denaro.  Prevenire e combattere la radicalizzazione: in occasione della conferenza ad alto livello della rete di sensibilizzazione al problema della radicalizzazione (RAN) è stata inaugurata una nuova piattaforma denominata “RAN Young” che incoraggia i giovani a partecipare all’opera di prevenzione nei confronti dei coetanei a rischio di radicalizzazione, che rappresentano un gruppo target chiave dei reclutatori di terroristi. Il secondo incontro ad alto livello del Forum dell’UE su internet che si terrà l’8 dicembre 2016 porterà avanti il lavoro di prevenzione della radicalizzazione online e di contrasto della propaganda del terrorismo su internet; istituirà inoltre una nuova piattaforma comune di segnalazione e un programma di responsabilizzazione della società civile. 8 Rafforzare le nostre difese e la resilienza  Rafforzare i sistemi informatici e colmare le carenze informative: la Commissione ha proposto oggi di istituire un sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (ETIAS) per rafforzare le verifiche di sicurezza sui passeggeri esenti dall’obbligo del visto. L’ETIAS raccoglierà informazioni su tutte le persone che si recano nell’Unione europea in esenzione dal visto, per consentire verifiche preventive in materia di migrazione irregolare e sicurezza. La Commissione esorta i colegislatori a iniziare urgentemente l’esame della sua proposta relativa all’istituzione di un sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (ETIAS) – come richiesto dalla tabella di marcia di Bratislava.  Migliorare lo scambio di informazioni: la Commissione sta promuovendo attivamente l’attuazione della direttiva sul codice di prenotazione (PNR), per garantire che tutti gli Stati membri ne predispongano la piena attuazione entro maggio 2018.  Potenziare la sicurezza alla frontiera esterna: dopo il varo, in ottobre, della guardia costiera e di frontiera europea è ora essenziale che gli Stati membri diano seguito al loro impegno di dispiegare il personale e le attrezzature necessari per raggiungere entro la fine dell’anno la piena capacità di reazione rapida. Il Consiglio europeo di ottobre ha inoltre chiesto che venga adottata rapidamente laproposta della Commissione che impone controlli sistematici su tutti i viaggiatori che attraversano le frontiere esterne dell’UE – strumento fondamentale per individuare i combattenti stranieri che rientrano. Inoltre, in dicembre la Commissione presenterà una prima serie di proposte volte a migliorare le funzionalità del sistema d’informazione Schengen (SIS). La Commissione presenterà anche, prima della fine dell’anno, un piano d’azione per migliorare le caratteristiche di sicurezza dei documenti di viaggio.  La Commissione sta inoltre lavorando alla creazione di un’interfaccia unica di ricerca a uso delle autorità degli Stati membri competenti in materia di contrasto, frontiere e immigrazione. Infine, il gruppo di esperti ad alto livello sui sistemi di informazione e l’interoperabilità presenterà una relazione intermedia entro la fine dell’anno. Contesto La sicurezza è un tema costante fin dall’inizio del mandato della Commissione Juncker, dagli orientamenti politici del Presidente del luglio 2014 all’ultimo discorso sullo stato dell’Unione del settembre 2016. Il 28 aprile 2015 la Commissione europea ha adottato l’Agenda europea sulla sicurezza, definendo le azioni principali che permetteranno all’UE di rispondere in modo efficace al terrorismo e alle minacce per la sicurezza nell’Unione europea nel periodo 2015-2020. Dalla sua adozione, sono stati fatti molti progressi nell’attuazione dell’Agenda. Nel novembre 2015 la Commissione ha proposto la revisione della direttiva sulle armi da fuoco, seguita da un piano d’azione sulle armi da fuoco e gli esplosivi nel dicembre 2015. In materia di terrorismo, la Commissione ha adottato nel dicembre 2015 una nuova direttiva sulla lotta al terrorismo e nel febbraio 2016 uno specificoPiano d’azione sul finanziamento del terrorismo. In aprile la Commissione ha proposto di istituire il sistema di ingressi/uscite (EES) e ha presentato una comunicazione per preparare il terreno per un’autentica ed efficace Unione della sicurezza. In più, a settembre è stata adottata una procedura unica di certificazione UE delle apparecchiature di controllo di sicurezza dell’aviazione. Più recentemente, la Commissione ha presentato la comunicazione del 14 settembre 2016 “Rafforzare la sicurezza in un mondo di mobilità”, che ha confermato l’esigenza di trovare il giusto equilibrio tra la mobilità e il rafforzamento della sicurezza, facilitando al contempo l’ingresso legale nello spazio Schengen senza obbligo di visto. Inoltre, il 6 ottobre è entrata in funzione la guardia di frontiera e costiera europea, dopo soli 9 mesi dalla proposta della Commissione, presentata in dicembre, a dimostrazione di un chiaro impegno per il rafforzamento della gestione e della sicurezza delle frontiere esterne dell’UE. Il fatto che il Presidente Juncker abbia creato uno specifico portafoglio per l’Unione della sicurezza nell’agosto 2016 mostra l’importanza attribuita dalla Commissione al rafforzamento della sua risposta alla minaccia terroristica. La prima relazione mensile sui progressi verso l’Unione della sicurezza è stata presentata il 12 ottobre per il periodo aprile-ottobre 2016; la se- 9 conda relazione, quella odierna, illustra i progressi compiuti da allora e le prospettive fino a dicembre 2016.