Opportunità di assunzione presso le Istituzioni europee: Agente temporaneo al Parlamento europeo

Il Parlamento europeo organizza una procedura di selezione per titoli e prove ai fini della costituzione di un elenco di idoneità per la copertura di un posto di: Agente temporaneo Amministratore membro di un gabinetto (AD 10) Mansioni da svolgere Sotto la supervisione diretta del direttore di gabinetto, l’amministratore svolgerà compiti di consulenza e di studio in uno o più ambiti di competenza dell’entità. In servizio a Bruxelles, sarà chiamato a effettuare missioni regolari nei tre luoghi di lavoro abituali del Parlamento europeo (Bruxelles, Lussemburgo e Strasburgo) e al di fuori degli stessi. L’amministratore lavorerà in stretta collaborazione con gli altri membri del gabinetto, con le direzioni generali del segretariato generale nonché, se del caso, con i deputati al Parlamento europeo. Fornirà alla propria gerarchia, a tempo debito, tutti i consigli e le informazioni pertinenti sui compiti di cui sarà incaricato. L’esercizio di tali funzioni richiede rigore, competenze redazionali, uno spiccato senso della riservatezza, capacità di analisi e di sintesi, capacità di anticipazione, senso della diplomazia, eccellenti capacità relazionali con interlocutori a tutti i livelli e facilità ad esprimersi in pubblico. Il Parlamento europeo insiste sulla capacità dei candidati di affrontare problemi di natura diversa e spesso complessa, di reagire rapidamente e con calma alle mutate circostanze e di comunicare in modo efficace. I candidati devono dar prova di iniziativa e grande motivazione. Devono essere capaci di lavorare regolarmente in modo intenso, da soli e in gruppo, e di adattarsi ad un ambiente di lavoro multiculturale e multilingue. Requisiti di ammissione Alla data di scadenza del termine per la presentazione delle candidature, i candidati devono soddisfare i seguenti requisiti: a) Requisiti generali Come previsto dall’articolo 12.2 del regime applicabile agli altri agenti dell’Unione europea, occorre in particolare: — essere cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione europea, — godere dei diritti politici, — essere in regola con le leggi applicabili in materia di obblighi militari, — offrire le garanzie di moralità richieste per le funzioni da svolgere. b) Requisiti specifici i) Titoli, diplomi e conoscenze richieste I candidati devono avere un livello di istruzione corrispondente a un ciclo completo di studi universitari, sancito da un diploma ufficialmente riconosciuto, in un settore attinente alle mansioni da svolgere descritte al punto A.2, della durata di: — almeno quattro anni quando la durata normale di detti studi è di almeno quattro anni, oppure — tre anni seguiti da un anno di esperienza professionale in un settore attinente alle mansioni da svolgere, quando la durata normale di detti studi è di almeno tre anni. L’anno di esperienza professionale non sarà preso in considerazione ai fini della valutazione dell’esperienza professionale di cui al punto A.3. b) ii). Il comitato di selezione terrà conto a tale riguardo dei diversi sistemi di insegnamento. E- 18 sempi dei diplomi minimi richiesti figurano nella tabella allegata alla guida dei candidati. ii) Esperienza professionale richiesta I candidati devono aver maturato, successivamente alle qualifiche di cui al punto A.3. b) i), un’esperienza professionale minima di 10 anni attinente alle mansioni da svolgere. iii) Conoscenze linguistiche I candidati devono essere in possesso di una conoscenza approfondita di una delle lingue ufficiali dell’Unione europea (lingua 1): bulgaro, ceco, croato, danese, estone, finlandese, francese, greco, inglese, irlandese, italiano, lettone, lituano, maltese, neerlandese, polacco, portoghese, romeno, slovacco, sloveno, spagnolo, svedese, tedesco, ungherese, e un’ottima conoscenza della lingua francese, inglese o tedesca (lingua 2). La lingua 2 deve essere diversa dalla lingua 1. Il comitato di selezione terrà conto della conoscenza di altre lingue ufficiali dell’Unione europea. Scadenza: 1 settembre 2017.